Laura Cristin




57 Biennale Venezia[:]

Category : mostre, performance, mailart mag 20th, 2017

Bellissima giornata il 10 maggio 2017 alla Biennale di Venezia! Ho iniziato con la non-così effimera installazione dell’adesivo di Joel Cohen con il suo ritratto, ho continuato presenziando di cuore alla performance di David Medalla e Adam Nankervis per il 15 ° anniversario del loro Mondrian Fan Club. Last but not least, ho ricordato l’impromptu del gennaio 2008 con Dorothea Fayne e Dario Della Rossa, con uno scatto/documentazione di “Totem 2004-2008-2017” accanto al “Paradiso” di Bosch in Palazzo Ducale. Incontrare – in un modo o nell’altro – amici vecchi e nuovi è meraviglioso!
Album aperto facebook all’indirizzo https://www.facebook.com/media/set/?set=a.1506744286011266.1073741834.100000271265514&type=1&l=fd40352fab
Due video, attualmente partecipanti a Magmart, sono ora online a questi link:
“HEALing in Rome” https://youtu.be/24ICAlVTiew
“Re-act e Re-vault” https://youtu.be/UxlRExtYgA0
A breve, nella sezione lavori, ulteriori sviluppi del progetto.[:]

Aprile[:]

Category : mostre, mailart apr 16th, 2017

Pasqua cade in aprile quest’anno! Principali novità: il calendario del comune di Bagnaria Arsa appeso in cucina, mostra questo mese una mia foto (“Anteprima del temporale”) che è stata selezionata in un apposito concorso; il dipinto “The Sticker Dude remembering the joint performance “Just life” by/with Laura Cristin in Coney Island 2012/06/14″ è stato ultimato (link all’indirizzo http://www.artwanted.com/imageview.cfm?id=1451496 ) e la Ragged Edge Press NYC ha deciso di stamparne un adesivo. Ho trovato il tempo per decorare con mia figlia, nuove uova di terracotta (che passatempo rilassante!). Il segnalibro “Sheren” partecipa alla mostra “Parolamagica” (curatrice Rosanna Veronesi) a Milano, presso la storica libreria Malavasi in via Santa Tecla / largo Schuster (appena dietro Palazzo Reale) dal 19 al 23 aprile per la Fiera del libro di Milano.[:]

“Selfie to self-expression” per Saatchi [:]

Category : mostre, performance feb 14th, 2017

http://www.saatchigallery.com/selfie/artist.php?id=1790
Nel giorno di San Valentino ho perfezionato la mia proposta per il concorso “Selfie to self-expression” della Saatchi gallery di Londra. Il tema era già stato affrontato nella sezione “Autoritratti” del mio sito ma questa volta ho cercato di approfondire il senso di tale pratica che accompagna da un bel po’ diversi tipi di viaggi che intraprendo man mano. Aprendo il link in alto, troverete le sei foto che ho selezionato e un’accurata spiegazione di ogni scatto. Qui mi limito ai titoli, ai luoghi e ai tempi dei selfie: “full immersion in the colour of my eyes” (Oceanarium di Valencia, 27 gennaio 2017), “(paper) boat trip from Venice railway station” (impromptu “Isonzo S_core”, 9 ottobre 2010), “Selfie as Sheren in Naples” (stazione ferroviario di Napoli Centrale, 2 settembre 2016), “in the sweet heART of Florence” (nella vetrina di una confetteria, 11 novembre 2011), “in the (Chinese) zodiac as wooden Horse Yang in Padua” ( Museo del Precinema di Padova, 19 marzo 2014), “the LIGHT of my heart!” (documentazione delle nuove tende della terrazza e della luce del cuore a Bagnaria Arsa, 4 maggio 2012). [:]

Re-act&Re-vault: un contributo per il 25 Novembre (International Day against the Violence towards Women)[:]

Category : mostre, performance nov 25th, 2016

Detail of “oisEAU”, acrylic on canvas and photo of the last ones to leave “La Festa dei Buchi” at Laura Cristin's home-atelier in Bagnaria Arsa, Udine on 25 October 1998.

Detail of “oisEAU”, acrylic on canvas and photo of the last ones to leave “La Festa dei Buchi” at Laura Cristin’s home-atelier in Bagnaria Arsa, Udine on 25 October 1998.


La sera del 25 ottobre 1998, nella mia casa-atelier di Bagnaria Arsa, Udine, aveva luogo “La Festa dei Buchi”, che faceva seguito all’Open House del pomeriggio “Lo Spazio Violato”. Accadeva esattamente un anno prima che l’ONU dichiarasse il 25 novembre come Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne e solo qualche mese dopo aver subito una grave violazione della mia arte e vita. Nel giugno precedente, mentre ero in vacanza con la famiglia, vandali erano entrati nella mia abitazione e avevano attuato una raffinata e premeditata forma di stupro su alcuni miei autoritratti. Le tele, per lo più nudi completati da poco e mai esposti al pubblico, erano state violate praticando dei fori in corrispondenza dei punti erotici. Al ritorno dalla vacanza in Spagna, rimasi impietrita alla vista di quanto era accaduto e il dolore continuò a scavare impietoso in me nei giorni seguenti, man mano che scoprivo le altre integrazioni. Se le effrazioni alla finestra e alcuni buchetti nel dipinto all”ingresso si erano subito palesati – la scoperta degli sfregi all’autoritratto più grande fu evidente allorché andai a spostare le tele in garage. Le avevo lasciate appoggiate al muro, sovrapposte l’una sull’altra. I vandali le avevano cercate, sfilate, bucate e vergate con insulti di tipo sessista sul retro, e poi riposte con cura. Inequivocabilmente ero l’unica destinataria di tanta efferratezza, visto che denaro o altri valori non erano stati sottratti. Mi sentivo progressivamente sempre più devastata, indesiderata anche dagli spazi della casa e dal prospiciente cortile che ignoti avevano percorso per attuare la spedizione punitiva e poi allontanarsene. Nei mesi che seguirono riuscii a trovare la forza di re-agire impegnandomi nel ri-copiare e ri-fare le tele violentate. Nel re-make dell’autoritratto più grande, il volto risultò molto triste ma altri dipinti – come il potente “oisEAU” – riuscirono meglio degli originali e mi fecero intravedere altre possibilità di sfondare il silenzio. Pensai allora, con i nuovi quadri, di realizzare una mostra-evento a casa mia, affiancandoli a quelli violentati. Potevo contare sulla completa disapprovazione e contrarietà di alcuni familiari stretti. – Sono solo ragazzate! – era il ritornello che mi sentivo risuonare nelle orecchie! Del resto, potevo accontentarmi di aver fatto la denuncia (che sarebbe stata ben presto archiviata senza risultati, a parte la parcella dell’avvocato) e non prendermela a cuore per qualche buchetto! Il silenzio e la non azione sarebbero stati invece opportuni!? Sembra incredibile ma in questi casi, si ribaltano i ruoli e la vittima dovrebbe invece vergognarsi e sentirsi colpevole di aver provocato (dipingendo?). Ebbi invece l’insolenza nei giorni precedenti l’Open House, di imbucare personalmente gli inviti nelle cassette postali dell’intero vicinato. Volevo condividere quanto successo con la comunità locale, visto che le circostanze deponevano per una violenza che non era venuta da lontano. L’evento riuscì bene e molte persone vi parteciparono. Tra gli altri, intervenne il gruppo di poeti “La Fabbrica dei Sensi”. Un giornalista scrisse un articolo per il giornale locale e Rita Mascialino sviluppò l’argomento in un saggio. Mi sentii meglio, un po’ sollevata in un modo o nell’altro. Negli anni successivi, tra alti e bassi – ‘ché il fardello da sbrogliare non è di poco conto – proseguii nella ricerca e nello smascheramento delle violenze sottili, talvolta coperte dall’ipocrisia e da certe bontà perverse, ri-voltando la rabbia in energia positiva e opere. A posteriori riconosco che quanto accaduto nel 1998 fu un potente stimolo di r-evoluzione personale. L’arte che venne dopo – dipinti, busti, ricerca sui Tarocchi, performance – forse lo spiega meglio delle parole. Alle volte era/è difficile. Questo tipo di ferite è in grado di produrre ulteriori danni e si deve alzare la guardia. Gli equilibri con chi ti vuole bene ne sono sconvolti e tutti soffrono, a lungo, nel tempo.
I buchi nei quadri – otticamente irrilevanti – non li ho voluti riparare. Se ne stanno ancora nei dipinti in garage, muti ma concreti testimoni di tanta viltà e codardia. Dopo “La Festa dei Buchi” mi sono dovuta occupare invece, quotidianamente delle lacerazioni dell’anima. Mi è servito frequentare i luoghi dove si pratica l’umanità e dove, più che vender/si si dona. Nel corso del tempo gli spazi della casa-atelier sono stati bonificati da tanti passaggi e presenze d’amore. Altre musiche hanno rallegrato gli spazi violati e altre storie sono state tracciate. Ora cammino a testa alta nel cortile. Qualche anno fa il colpevole ha candidamente ammesso, senza vergogna, la ragazzata.
Ho capito che si deve sempre stare all’erta e che non si deve permettere a nessuno di sfruttare e di sentirsi forte delle nostre debolezze! Gli affetti sinceri ne rimangono rafforzati. È un compito senza fine, ma gratificante.

Libertà e Dignità hanno bisogno di costante impegno e update. [:]

October TRIPs

Category : mostre, mailart, in giro per il mondo ott 25th, 2016

Ottobre è sempre un mese speciale per me: i ricordi riaffiorano e prendono nuove vite e prospettive. Quest’anno succede con due trip. Il trittico-libretto per immagini e parole “Re-vault sTRIP”– già stampato in edizione limitata – si è rigenerato e internazionalizzato come “mailart a corpo libero”. Gli ha fatto seguito “Twin Mother from Udine to Capua”, sorta di altare portatile realizzato in unica copia su carta fatta a mano. Basato sul ricordo di un quadro dipinto nel 1994 e intitolato “A mia madre”, racconta anche la storia in bella calligrafia nei portelli. Il manufatto verrà presto spedito al Museo Campano di Capua per partecipare a un’iniziativa in salvaguardia delle Matres Matutae. Queste riflessioni prendono forma dopo aver cucinato una torta di mele e avervi spolverizzato sopra il contenuto di cinque bustine di zucchero portate come ricordo da Napoli.[:]

Re-vault per Goliarda re-diviva[:]

Category : mostre, performance, in giro per il mondo ago 10th, 2016

 Poster of “A Corpo Libero” tribute for Goliarda Sapienza in Gaeta, August 30th, 2016.  Card with details of the jeans textile bust “Re-vault”, h 75 cm, mixed tecniques, 2014-'16. Clockwise: Siren's filling -  front view with the moon and the constellation of Scorpio  (Antares), uterus and anemones -  dolphen, moon and starfish in the back.

Poster of “A Corpo Libero” tribute for Goliarda Sapienza in Gaeta, August 30th, 2016.
Card with details of the jeans textile bust “Re-vault”, h 75 cm, mixed tecniques, 2014-’16. Clockwise: Siren’s filling – front view with the moon and the constellation of Scorpio (Antares), uterus and anemones – dolphen, moon and starfish in the back.


Il 30 agosto 2016, a Gaeta (Latina), dalle 19:30, presso la Terrazza Borbonica di via Bausan 1 (meglio conosciuta come Punta dello Stendardo) avrà luogo “A Corpo Libero”, tributo a Goliarda Sapienza
La performance “Re-vault” chiuderà la manifestazione alle ore 21:00.

Immersa nella volta notturna, nell’approssimarsi della luna nuova, sul mare di Gaeta tanto caro a Goliarda (1924-1996) e popolato dalle Sirene, prende vita una performance per lei.
«Non è un involucro smorto di mare e di cielo, profuma di libertà e di gioia, ciò che ritroverò sulla batteria galleggiante e che ho pensato per te. È un busto tessile che ho chiamato “Re-vault” (Arcano XVI), accogliente come un cuscino. Potrà contenere le nostre affinità, tracce di te – evanescenti ai più ma ben evidenti agli occhi del cuore – le forme dell’anima.
Penso alle sincronie trascorse insieme, quando ero piccola per capire ma non per sentire e con mia mamma – di qualche anno più giovane di te – intorno all’OPP di Gorizia, costruivo esperienze di libertà che nascevano dall’emarginazione. Sperimentavo il potere vivificante della dolce ma decisa sovversione.
Tu scrivevi “L’Arte della Gioia”.
Mettevo in cantiere una figlia mentre tu eri a Rebibbia. Più tardi ero oggetto/soggetto di una terapia psicoanalitica durata un quinquennio e che considero il mio master in ricerca della felicità. A ridosso dalla tua dipartita da questo (solo) fisico mondo, dipingevo in/la Sicilia, tua terra natale. Dieci anni più tardi, nel 2006, quando una degna sepoltura ti veniva data nel cimitero di Gaeta, mi tuffavo in una musica consonante. Era “MareA” che anche questa volta, insieme alla stella di Antares (l’anti Marte dipinto sul busto di mare e di cielo), ai veli-onde e a tante altre cose che accadranno, ti renderà almeno per un istante re-diviva. Succede il 30 agosto, a Gaeta, “A Corpo Libero”, a vent’anni dalla tua scomparsa.
Forever in our hearts».
Laura Cristin Sheren musica di Dario Della Rossa

Link di “A Corpo Libero”: http://pinacotecagaeta.it/a-corpo-libero-tributo-a-goliarda-sapienza-1926-1996-a-cura-di-stefania-scattina/[:]

“Ogni volta è la prima volta” by Marsilio & London Biennale

Category : mostre, performance, in giro per il mondo mag 9th, 2016

Il 13 maggio, alle ore 15:30, al Salone del Libro di Torino, Padiglione 1, Spazio Incontri, sarà presentato il libro “Ogni volta è la prima volta” pubblicato da Marsilio editore che raccoglie le 21 storie finaliste del concorso AVIS indetto da Pordenonelegge nel 2015.
Il mio racconto “La prima volta a Roma” è tra i pubblicati.
All’opening di London Biennale a Roma (1-2-3 maggio) presso Studio.ra e RO.MI ho avuto modo di ripensare e ricreare dal vivo quella storia personale che risale al gennaio del ’68. Evento principale è stata la performance “hell-HEAL-hill” che è seguita all’intervento sul corpo di Reynolds’ in “Chemo Dragon Emergency Room”: ho disegnato una Sirena sul suo petto. Ho donato a Raffaella Losapio un disco di platino rivisitato con la mela di OB-LA-DI, OB-LA-DA. Il contesto internazionale creato da David Medalla e coordinato da Adam Nankervis si è dimostrato efficace contenitore della libertà di esprimere la ricerca artistica personale e di connetterla nei più vasti circuiti dell’amore.
My photo album at https://www.facebook.com/media/set/?set=a.1159246567427708&type=1&l=bf605a3f81
Synthesis of the performance in the video at https://youtu.be/NIkHVWJXI_o?list=LLoekfKiJTgG127yOnRU9B7g
Video with my participation in Reynolds’ performance “Chemo Dragon Emergency Room” in https://youtu.be/s_bON4LiRwA[:]

a Roma per l’apertura della Biennale di Londra 2016, 1-2-3 maggio[:]

Category : mostre, performance, mailart, in giro per il mondo apr 21st, 2016

Artist Trading Cards 41 for London Biennale opening in Rome: disc, oil on vinyl, 1968-2016, poster for performance "hell-HEAL-hill", ph. L. Maria Mino and photo of Rome by Laura Cristin

Artist Trading Cards 41 for London Biennale opening in Rome: disc, oil on vinyl, 1968-2016, poster for performance “hell-HEAL-hill”, ph. L. Maria Mino and photo of Rome by Laura Cristin


All’inizio di maggio prenderò parte all’apertura della London Biennale a Roma con un disco, una performance e un video.
Il 1 ° maggio, dalle ore 17:00, presso Studio.ra in via Platino 1 F, donerò a Raffaella Losapio per il 10 ° anniversario della sua galleria, 1 copia rivisitata del vinile originale registrato a Roma nel ’68; inoltre parteciperò a “Emergency Room” di Reynolds disegnando una Chemo Drago Chimera sul suo petto.
Il 2 maggio, dalle ore 17:00 a Valle della Caffarella, avrà luogo la performance principale “hell-HEAL-hill” con la quale rivivrò la mia prima volta a Roma, nel gennaio del ’68, attuando così un ponte ideale con il tema synchronisation/syncopation della London Biennale 2016 di David Medalla.
Il 3 maggio, dalle ore 18:00 presso lo Studio RO.MI in via Vetulonia, 55, sarà proiettato il video “per Letizia Comba (1932-2000)”, che era sul treno con me nel ’68.
Nel corso dei 3 giorni distribuirò ai partecipanti e al pubblico la serie di ATCards con i dettagli di ogni contributo.
Vedi programma completo in http://www.studiora.eu/2016/05/01/program-of-london-biennale-2016-in-rome-press-release/[:]

Storie di Roma e immagini di Bosch&Bruegel [:]

Category : mostre, in giro per il mondo feb 20th, 2016

La storia (vera) “La prima volta a Roma” è finalista al concorso AVIS al quale ho partecipato in novembre. Sarà pubblicata da Marsilio Editori, insieme alle altre finaliste, nel libro “La prima volta”. Le prime tre saranno annunciate in un evento a Mantova, in maggio. Incidentalmente, sono stata recentemente a Roma, a ripercorrere le memorie del viaggio compiuto nel ’68, insieme a Letizia Comba. Il prossimo primo maggio ci sarà l’occasione di esprimere tutto questo in una performance, nel contesto del London Biennale opening a Roma e dell’anniversario di Studio.ra.
Leggi di nuovo il racconto qui: http://laprimavolta.avis.it/prime-volte/post/343-la-prima-volta-a-roma.html

Il BB dyptich ha viaggiato a Hertogenbosch in Olanda dove prenderà parte alla mostra di mail art “Bosch after Bruegel” curata da MiiColori Toon Joosen per the Museum of Instant Images. La mostra è allestita nella Torre del Jheronimus Bosch Art Center, in connessione con “Hieronymus Bosch, Visions of a genius”
Private view il 5 marzo.
Guarda il mio contributo al link: http://www.artwanted.com/imageview.cfm?id=1404714[:]

Il primo vinile e la prima volta a Roma

Category : mostre, performance, in giro per il mondo nov 9th, 2015

Partecipo all’iniziativa “La prima volta” dell’AVIS, con due contributi per foto e parole. Ci sono molti doni che possono cambiare la vita. Non sono sempre un rene o il sangue, ma “semplici” atti d’amore.
http://laprimavolta.avis.it/prime-volte/people/380-laura-cristin.html